STORIA DELLA "T-SHIRT"

La vita negli anni '50 e '60: non solo Happy Days
Avatar utente
Snowbird
Messaggi: 713
Iscritto il: 10 mar 2009, 15:24
Località: MIlano

STORIA DELLA "T-SHIRT"

Messaggio da leggere da Snowbird »

Nel 1956, l'attore James Dean indosso' una T-shirt bianca con una giacca di pelle nel film "Gioventu' Bruciata". Con questo film, la T-shirt divenne un simbolo di ribellione per tutta una generazione. Pochi anni dopo, anche il cantante Elvis Presley comincio' a portare le T-shirts . E, emulandolo, lo stesso fecero i suoi fans. All'epoca (In quel periodo) non si potevano comprare che magliette bianche.

La T-shirt divenne popolare anche nel mondo della musica. Ma, come canto di ribellione, il 75% T-shirt dei musicisti era nera! Una piccola azienda di San Francisco inizio' a produrre la "T-rock-shirt", una T-shirt sulla quale erano stampate le foto dei gruppi rock. Oggi la "T-rock-shirt" e'un affare da 500 milioni di dollari e gli acquirenti-tipo di questa T-shirt sono adolescenti. Negli anni '60, la T-shirt diventò unisex. Le donne cominciarono a indossarla come capo d'abbigliamento non intimo. Allo stesso tempo, anche gli hippies, vollero la loro T-shirt per divulgare la pace, l'amore e la spiritualità.
Personalizzarono percio' le loro t-shirts con simboli di pace e fiori.

Negli anni '70, i punk reagirono contro il "potere dei fiori" (la filosofia dei figli dei fiori), indossando magliette strappate, con spille da balia. Negli anni '80 la T-shirt divento' oversize (lunga e larga). Negli anni '90, divenne di moda la T-shirt griffata, come quella di Calvin Klein. In seguito, la T-shirt divenne corta e attillata, cosi' che chi la indossava poteva sfoggiare la pancia! La pop star Madonna, inoltre, ha inaugurato una nuova moda: indossare magliette con il nome di pop star come Britney Spears. E adesso Britney indossa magliette con il nome di ... Madonna, naturalmente!

Oggi le aziende utilizzano le T-shirt per pubblicizzare i propri prodotti, le persone le usano per esprimere le loro idee, i turisti le acquistano come souvenir e progettisti le usano nelle loro collezioni. Ne esistono di tutti i colori, materiali e dimensioni.
E tu, che T-shirt indossi?

(traduzione di Patrizia)